I Rumatera in compagnia delle Bombpops fuori dall’Home **ck Bar. Foto di Davide Carrer

Venerdì sera al bar è stata portata una ventata di sana ignoranza, con l’accezione più positiva possibile del termine. Si è costruito un ponte tra California e Veneto a suon di “ghe sboro” in accento inglese. Sul palco dell’Home **ck Bar hanno infatti aperto il concerto dei Rumatera “The Bombpops”, dalla lontana San Diego. Le due leader americane hanno sùbito dimostrato quanto appreso nel pomeriggio in compagnia del gruppo veneto, sfoggiando il repertorio di locuzioni più care ai Rumatera.
Tra un hamburger e una birra abbiamo deciso di fare qualche domanda a Bullo sui Rumatera, sulla musica e non solo:

HRB: Una domanda semplice per rompere il ghiaccio: qual è la posizione a letto che rappresenta di più i Rumatera?

Bullo: Bisognerebbe fare un sondaggio tra i ragazzi. L’importante xe no aver quei letti giapponesi a raso (come abbiamo detto al nostro amico Guidotto). Diciamo che deve essere in parte “par tera” e metà su un letto o divanetto all’altezza giusta, così si può “espletare bene il servizio”.

HRB: L’importante è anche non fare cilecca…

Bullo: Eh è importantissimo – ride – ma purtroppo è successo anche ai Rumatera. Per fortuna noi abbiamo anche questa vena ironica e se dovesse succedere possiamo buttarla sul ridere.

HRB: Avete fatto anche molte collaborazioni con personaggi che hanno più o meno a che fare con il mondo musicale. Quale sarà la prossima, se ce ne sarà una?

Bullo: Eh non potrei dirvela… L’abbiamo già fatta. Lo scoprirete il 10 novembre, quando faremo uscire il nuovo video con lui. Vi posso però dire che sul nostro profilo Facebook ci saranno molti indizi.

HRB: Quindi è un lui?

Bullo: Ormai non posso nascondermi: è un maschio, e che maschio! – facendo gesti allusori a doti non canore – È un personaggio di fama internazionale che abbiamo conosciuto negli Stati Uniti. Non canta, ma lo vedrete nel video…

HRB: Qui all’Home non si viene solo per cantare o ballare, ma anche per mangaire. I Rumatera hanno un loro piatto preferito, o che li possa in qualche senso rappresentare?

Bullo: L’Hamburger queo col Chili de Dan in assoluto (lo fanno ancora?), quanto me faxeva scorexar! Buonissimo e scoreggio bollente!

HRB: ultima domanda, per fare anche un po finta di essere seri: Qual è l’artista più sopravvalutato e più sottovalutato dal mercato discografico?

Bullo: Ragassi che domanda.. I Rumatera non guardano queste cose. Se uno fa successo però, andando al di la dei gusti musicali, vuol dire che è giusto così. Il pubblico alla fine ha sempre ragione, per questo non mi sento di citare qualcuno di sopravvalutato.
SOTTOVALUTATISSIMO però Bello Figo! Quando sento quelli che fanno la trap di adesso mi sembrano una brutta imitazione sua. Assolutamente sottovalutato.

Giacomo Russello